Chi siamo

Manituana è un progetto politico collettivo nato il 28 aprile 2015 dall’occupazione dei locali di via Sant’Ottavio 19 bis, di proprietà dell’Università di Torino. Abbiamo occupato per protestare contro la chiusura degli spazi di aggregazione e di confronto tra student*, ma in due anni abbiamo ampliato i nostri orizzonti politici intrecciando lotte e percorsi, dal Gruppo di Acquisto Solidale al laboratorio di teatro, dalla ciclofficina alla Camera del Lavoro Autonomo e Precario, dalla partecipazione ai percorsi antirazzisti e antifascisti a Non Una di Meno.

Dopo due anni nei locali dell’ateneo torinese siamo stat* costrett* ad andarcene, pendendo sullo spazio una richiesta di sgombero. Da via Sant’Ottavio ci siamo trasferit* nei locali di via Cagliari 34/C il 30 ottobre 2017, dove abbiamo assecondato la nostra crescente vocazione cittadina (ad esempio attraverso la partecipazione al CoNO – Coordinamento No Olimpiadi), organizzando percorsi e servizi di mutuo aiuto e partecipazione con il quartiere,, dalla biblioteca all’aula studio.

Il 15 maggio 2018 siamo stat* sgomberat* dai locali di via Cagliari dalla polizia, chiamata in aiuto dall’ente proprietario dello stabile. In quel momento è cominciata la fase di “Manituana ovunque”: continuiamo ad organizzare attività e iniziative in collaborazione con vari soggetti individuali e collettivi della nostra città, dal Nessun* Norma Pride 2018 a Braccia rubate all’agricoltura, il nostro festival giunto alla sua quarta edizione, all’insegna del mutualismo, della lotta alla precarietà esistenziale e lavorativa, per una cultura e un’aggregazione dal basso, lontana dalle logiche di profitto che animano la politica torinese in questi anni.

Siamo antifascist*, antirazzist*, antisessist*, antimilitarist*, anticapitalist*, antiproibizionist*, antiautoritaritar*, per l’autogestione e l’autoorganizzazione.

Il nostro nome viene dal romanzo omonimo di Wu Ming. Manituana è il mitico luogo di origine del popolo irochese, situato sulle isole lungo il fiume San Lorenzo. Qui i superstiti delle Sei Nazioni ritornano alla fine della rivoluzione americana, sconfitti e scacciati dalle loro terre dal nuovo padrone statunitense, per ricreare una casa fatta di uguaglianza nella libertà.

Manituana si riunisce in assemblea ogni settimana: per partecipare, proporre iniziative o altre informazioni scrivici a laboratoriomanituana@gmail.com o segui la nostra pagina Facebook per sapere come e quando trovarci!

I commenti sono chiusi