I vostri deserti, le nostre mille isole… Manituana è tornata!

Più di sei mesi fa, senza la minima avvisaglia o tentativo di negoziazione, gli spazi del Laboratorio Manituana in Via Cagliari venivano sgomberati da un ingente dispiegamento di polizia. Con scudi e manganelli, la governance cittadina provava a cancellare un’esperienza autorganizzata giovane e innovativa, fatta di appropriazione dal basso e messa in comune di saperi e pratiche collettive. L’amministrazione era così convinta di aver eliminato un ostacolo alla messa a valore dei quartieri che da Borgo Rossini si estendono fino a Barriera di Milano, zone impoverite dalla crisi, prive di servizi pubblici adeguati e sufficienti luoghi di socialità, pronte dunque ad entrare nella spirale di speculazione immobiliare e gentrificazione. Nelle ore immediatamente successive allo sgombero, un corteo spontaneo di centinaia di persone aveva tuttavia lanciato un messaggio chiaro: le mille isole di libertà e autonomia costruite in tre anni di sperimentazione non cederanno facilmente ai deserti dell’ordine e del decoro.

Quella promessa è stata mantenuta. In questi mesi, le nostre isole hanno vissuto nella molteplicità di esperienze che rompono la solitudine, l’indifferenza e la paura nell’Italia del pentaleghismo. Dalle iniziative nel quartiere e dai vari interventi locali fino alle mobilitazioni nazionali femministe, antirazziste e contro le grandi opere inutili, Manituana ha attraversato e contribuito alle lotte contro la tempesta di merda che investe quotidianamente le nostre vite nel mondo di Trump, Bolsonaro e Macron, e nell’Italia dell’apartheid securitario, sessista e lavorista. Non senza difficoltà, il nostro arcipelago ha saputo resistere all’inabissamento, diffondendosi nella città e sprofondando soltanto per riemergere con più forza.

Oggi Manituana è tornata, liberando l’ex deposito Amiat di Largo Maurizio Vitale, uno spazio sfitto di proprietà del comune di Torino, destinato all’abbandono e all’incuria. Torniamo nello stesso quartiere e con i medesimi obiettivi, ricche/i di percorsi consolidati e nuovi progetti. Tra queste mura, intendiamo impiantare e ampliare la rete di corpi e idee che costituisce la nostra realtà. Apriamo qui un cantiere per intrecciare relazioni e pratiche di conflitto, per difendersi ed attaccare – una nuova istituzione comune, come nella mitica esperienza irochese, in cui gli indiani si rifugiano per sfuggire ai coloni bianchi, dove creano una comunità fondata su rapporti paritari, solidarietà e autogestione. Manituana: i seminari autogestiti di letteratura, filosofia e psicanalisi, contro la miseria del mondo accademico e per sviluppare pensiero critico tramite il confronto orizzontale; il gruppo di teatro, il collettivo artistico, i concerti e le jam sessions, i dibattiti e le presentazioni di libri, il festival “Braccia rubate all’agricoltura”, per autoprodurre cultura fuori dai circuiti tradizionali. Manituana: la ciclofficina e il gruppo di acquisto solidale, per un modello alternativo di mobilità e di consumo. Marijtuana: collettivo antiproibizionista, per l’educazione e la sensibilizzazione sulle sostanze. Manituana: gli esperimenti di mutualismo e autorganizzazione di lavoratrici e lavoratori precarie/i e autonome/i, dalle ricercatrici e dai ricercatori non strutturate/i alle e ai riders della micrologistica del Food Delivery. Manituana: la lotta contro ogni frontiera, gli sforzi per costruire un coordinamento antirazzista metropolitano permanente e per sostenere l’accoglienza autogestita. Manituana: un’aula studio, uno spazio per mangiare e una biblioteca virtuale contro le mancanze del welfare cittadino e universitario.

Ma alle somiglianze con il passato si articolano le differenze del presente: in sei mesi le cose cambiano, e di molto. Sappiamo bene che aprire oggi uno spazio sociale significa lanciare una sfida politica importante e difficile, ed intendiamo percorrerla con tutta la determinazione di cui siamo capaci. Dopo la firma del “contratto di governo”, poveri/e, migranti, donne e soggettività non conformi sono state messe al centro dell’offensiva nazional-liberista di Salvini e Di Maio. Allo sfruttamento e alla precarizzazione si sono allora accompagnati disciplina ed autorità patriarcale. La proprietà dei confini e dell’identità nazionale consolida la proprietà economica: l’austerità si rafforza tramite l’inasprimento degli sgomberi delle occupazioni abitative, il sessismo di Stato, il respingimento delle/i migranti e la messa al bando delle ONG. Da nord a sud, non mancano però resistenze e lotte inedite. Mentre la Francia si tinge di giallo e insorge contro l’aristocrazia neoliberale e il suo monarca, in Italia donne e migranti, precarie/i e studentesse/i, sindaci recalcitranti, ribelli mediterranee/i ed alpine/i si oppongono al governo, rivendicando un radicale cambiamento di rotta. In questa situazione, pensiamo che Torino non possa soltanto restare a guardare ma debba a sua volta mobilitarsi, disobbedire alle direttive del governo, ed in primo luogo rifiutare materialmente il “decreto immigrazione e sicurezza”. La nuova Manituana è allora un piccolo passo in questa direzione, capace di tessere bisogni e desideri, aprendo grandi contraddizioni. L’inizio del 2019 lo festeggiamo così, con una settimana di ritardo, in nuovo spazio sociale, per una Torino diversa, aperta e solidale.

Invitiamo tutte e tutti a venire a conoscere e sostenere il nuovo spazio. Il pomeriggio sarà dedicato alla pulizia e ai primi lavori. Per un primo aperitivo, ci vediamo stasera, h18, in Largo Maurizio Vitale 113 (Borgo Rossini, 10 minuti dal Campus Einaudi).

Manituana – Laboratorio Culturale Autogestito, Torino

Appello al mondo della musica e della cultura – Reclaim The Street

Musica e cultura contro disuguaglianze, confini e decreti razzisti

Leggi il testo di lancio della reclaim.

Sentiamo la necessità di attivarci, metterci insieme e dire ad alta voce che le cose non possono
continuare in questo modo, vogliamo usare la nostra musica e le nostre parole per combattere il
razzismo dilagante nel nostro paese. Crediamo che l’arte sia un mezzo di
liberazione e non di oppressione.

Reclaim the street

In Italia e in Europa assistiamo, da tempo, ai violenti effetti prodotti dalla propaganda contro chi
migra: le frontiere vengono usate come arma di controllo per fomentare un clima di odio, i confini
segnano chi può essere accettato e chi no. Chi migra diventa colpevole delle condizioni di povertà
e precarietà della popolazione italiana e proprio su questo il Governo ha fondato la propria azione.
Lega e 5Stelle hanno dichiarato guerra contro chi è povero, contro chi è sfruttato e contro chi è
diverso. Dopo sei mesi dalla firma del “contratto di governo”, è diventato chiaro che i
respingimenti e i sequestri delle navi operati da Salvini nel Mediterraneo vanno di pari passo con
la riduzione delle promesse “sociali” dei 5Stelle.
A perderci sono sempre le stesse persone: migranti sequestrat* in mare ed espuls* dall’Italia;
milioni di persone precarie che non percepiranno alcun reddito di cittadinanza; occupanti di case
che, in caso di sgombero, non avranno alcuna ricollocazione e saranno costrette a rimanere in
strada; donne e soggetti LGBTQI contro cui si scagliano le politiche bigotte e familiste del ministro
Fontana e del ddl Pillon.
La prepotenza del razzismo, dell’autoritarismo e del maschilismo negli orientamenti del governo è
confermata dal “decreto immigrazione e sicurezza” proposto da Salvini, approvato dal consiglio
dei ministri e firmato dal presidente della Repubblica.
Il confinamento dei migranti e di tutti coloro i/le quali non risultano conformi alla loro idea di
“decoro pubblico” è il contenuto principale del decreto, introducendo delle misure che richiamano
da vicino il modello dell’apartheid. La cancellazione della protezione umanitaria per i rifugiati, la
revoca del diritto d’asilo per una condanna in primo grado di qualsiasi tipo e l’inasprimento delle
pene contro le manifestazioni di dissenso sono alcuni dei tratti principali del regime razziale e
repressivo che il governo vuole imporre.
La repressione spacciata per sicurezza tocca anche il tema delle sostanze, disegnando altri
confini, come quelli immaginari fra sostanze legali e illegali, definendo i limiti entro cui possiamo
divertirci e ponendo come unica soluzione quella fallimentare del proibizionismo più becero e
bigotto.
Non possiamo restare in silenzio, vogliamo usare la nostra musica per dirvi con chiarezza che noi
non ci stiamo, che siamo pronti e pronte a mobilitarci e riprendersi le strade in una metropoli
come Torino diventa ormai essenziale.
Ci vogliono normat*, ordinat* e silenzios* nella loro malata idea di decoro, prigione ideologica
fatta di finta legalità e perbenismo nel cui nome viene ormai sdoganata e perpetrata qualsivoglia
forma di violenza.
Non ci avrete mai come volete voi!
Ci vediamo sabato 27 ottobre, alle ore 15, con ritrovo al Ponte Mosca (Balon, Fermata Borgo
Dora): un corteo musicale, meticcio e solidale sarà la nostra risposta.
Contro disegueglianze e confini, No al Decreto Salvini!

27 ottobre Reclaim the street!

In Italia e in Europa assistiamo, da tempo, ai violenti effetti prodotti dalla propaganda contro chi migra e a favore della difesa militare dei confini: le frontiere vengono usate come arma di controllo e repressione fomentando un clima di odio che sfocia in violenze quotidiane contro migranti e più deboli.

I confini segnano chi può essere accettato e chi no.

La cosiddetta “accoglienza” poggia su un sistema basato su una selezione di chi è degno di potersi spostare dal proprio paese. Viene distinto il/la migrante meritevole da quello non meritevole, destinat@ ad essere espuls@ o a essere sfruttato@ nel lavoro a basso costo.

I/le poch@ a cui viene riconosciuto lo status di rifugiato sono obbligat@ a rimanere nel Paese, spesso alla mercè di cooperative che guadagnano riducendo al minimo salario e diritti, senza potersi muovere liberamente e costretti a entrare nel circuito del capolarato.

A chi si vede negata la domanda di asilo tocca un destino peggiore: essere rimpatriati in paesi dove regnano povertà e guerre o diventare clandestin@, rischiando di rimanere intrappolat@ in traffici illeciti, tratte umane e manodopera in nero. I/le migranti possono essere differenziat@ e etichettat@ diversamente, ma il loro corpo è destinato a essere sfruttato.

I confini vengono utilizzati per generare paura, additando il migrante come diverso e colpevole delle condizioni di povertà e precarietà della popolazione italiana. Il migrante diviene un pericolo per i diritti di chi ha la pelle bianca: il risultato è una guerra fra poveri voluta dai ricchi e dai potenti.

Ma oggi, se possibile, la situazione è ancor più grave. La Lega e i 5 Stelle, dopo aver cavalcato la giusta rabbia contro la crisi e le politiche d’austerità ed essere così giunti al governo, hanno dichiarato guerra a pover@, divers@ e sfruttat@, qualunque sia il colore della loro pelle.

A sei mesi dalla firma del “contratto di governo”, è diventato chiaro che i respingimenti e i sequestri delle navi operati nel Mediterraneo e la retorica razzista e sessista del Governo, vanno di pari passo con la riduzione delle promesse “sociali” dei 5 Stelle. Lo sgombero delle occupazioni abitative e l’introduzione di nuovi strumenti di controllo e repressione per la polizia, si accompagnano alla riduzione del “reddito di cittadinanza” ad una misura di sostegno alla povertà, né universale né incondizionato, in cambio della quale sarà oltretutto estorto lavoro gratuito.

A perderci sono sempre gli/le stess@: migranti sequestrat@ in mare ed espuls@ dall’Italia; milioni di precar@ che non percepiranno alcun reddito di cittadinanza; occupant@ di case che, in caso di sgombero, non avranno diritto ad alcuna ricollocazione; donne e soggettività LGBTQI contro cui si scagliano con violenza le politiche demografiche, misogine e familiste del ministro Fontana e del ddl Pillon.

Anche il genere e i corpi sono diventati luoghi sui quali decidere e ratificare: Verona è diventata ufficialmente città pro-vita, rendendo ancora più difficile alle donne la possibilità di accedere alla possibilità di abortire (già messa a repentaglio dall’obiezione di coscienza), mentre a livello nazionale le soggettività LGBT e queer vengono attaccate e stigmatizzate dal governo.

Il “decreto immigrazione e sicurezza” proposto da Salvini conferma la preponderanza del razzismo, dell’autoritarismo e del patriarcato negli orientamenti del governo. Il confinamento dei corpi migranti e di tutt@ coloro i/le quali non risultano conformi al “decoro pubblico” è il contenuto principale del decreto, introducendo misure che richiamano da vicino un modello di apartheid.

La cancellazione della protezione umanitaria per i rifugiati, la revoca del diritto d’asilo per una condanna in primo grado di qualsiasi tipo e l’inasprimento delle pene contro le manifestazioni di dissenso sono alcuni dei tratti principali del regime razziale e securitario che il governo ci vuole imporre.

Un regime violento in cui la repressione, spacciata per sicurezza, tocca anche il tema delle sostanze, disegnando altri confini immaginari, come quelli fra sostanze legali e illegali, definendo all’interno di quali limiti possiamo o non possiamo divertirci. Vite rovinate e decenni di risorse buttate in inutili guerre alla droga hanno insegnato che le uniche soluzioni al problema sono la liberalizzazione e la depenalizzazione della sostanza, la riduzione del danno e la sensibilizzazione informata.

Davanti a tutto ciò non possiamo restare in silenzio: mentre dai palazzi del potere insistono con l’invenzione di un’invasione, che nei fatti non esiste, accompagnata ad una costante incitazione all’odio, noi continuiamo a voler costruire un mondo libero, aperto ed accogliente.

Vogliamo l’apertura delle frontiere. Vogliamo allargare e intensificare questa ondata di resistenza antirazzista, che da Ventimiglia a Riace, da Macerata a Catania, ha visto scendere in piazza migliaia e migliaia di persone.

Mobilitarsi e riprendersi le strade diventa allora essenziale!

Non solo Torino si trova a pochi passi dalla frontiera francese, dove una rete di solidarietà ed autorganizzazione si è da tempo sviluppata accanto ai migranti respinti alla frontiera, ma in contemporanea i 5 Stelle torinesi risultano oggi in piena continuità con il governo pentaleghista nazionale.

Non hanno soltanto disatteso e tradito tutte le promesse elettorali grazie alle quali conquistarono consenso, arrivando a governare la città, ma si preparano ora ad applicare le direttive di Salvini e Di Maio, procedendo allo sgombero degli spazi sociali e delle occupazioni abitative, cioè attaccando quei “beni comuni” dei quali si vantavano fino a poco tempo fa.

Le ultime notizie trapelate dall’incontro tra Sindaca e Salvini su un possibile sgombero di un’altra palazzina dell’Ex-MOI ne sono l’ennesima dimostrazione. Lo sgombero di Chez Jesus avvenuto ieri all’alba a Claviere, alle soglie dell’inverno, non può che rafforzare i timori che si voglia procedere ad un atto di forza anche per l’Ex-MOI.

Una mobilitazione aperta e trasversale è necessaria per dire che Torino non accetterà il razzismo di Stato, per dire che la nostra città intende rifiutare l’applicazione delle direttive razziste, sessiste e securitarie del Governo, per ribadire che Torino è città aperta e solidale, decisa a schierarsi con chi abbatte confini e frontiere, qualsiasi forma essi assumano.

Facciamo un appello alle reti di solidarietà migrante, alla cultura e all’arte indipendente, alle associazioni, ai centri sociali, ai sindacati, al movimento transfemminista, ai collettivi LGBT, per una grande giornata di opposizione al Governo, una giornata per la libertà di movimento, di espressione, di divertimento.

Non accettiamo, oggi più che mai, di vedere imposti dall’alto confini e barriere al solo scopo di alimentare la guerra tra poveri e di mettere a profitto i nostri corpi. Vogliamo libertà di movimento e di autodeterminazione per tutt@: libertà di scegliere in quale paese progettare un futuro, libertà di accettare o meno un lavoro, libertà di scegliere se e quando fare figl@.

Ci vogliono normat@, ordinat@, ubbiendient@ e silenzios@ nella loro malata idea di decoro, triste prigione ideologica fatta di legalità, moralità e perbenismo.

In questa città le strade e i corpi sono ormai terreno di scontro e noi ci saremo! Non ci avrete mai come volete voi!

Ci vediamo sabato 27 ottobre, alle ore 15.
Ritrovo al Balon in Corso Giulio Cesare, all’altezza di Ponte Mosca – Fermata Borgo Dora.
Sarà un corteo musicale, meticcio, libero e solidale!

Contro razzismo e confini, No al Decreto Salvini!
Riprendiamoci le strade

Condividi l’appello, fai girare l’evento>> https://goo.gl/UZN45j

Reclaim the street – Torino