Storie di strada. La pietra d’inciampo di Lucio Pernaci

Giornata della Memoria 2020, corso Regio Parco 35

Pensando a come affrontare il giorno della memoria abbiamo voluto cercare, come in occasione della Liberazione, le storie del quartiere in cui ci troviamo. Le strade di borgo Rossini hanno delle storie da raccontare al pari di tutte le vie della nostra città, storie che spesso chi abita in zona ammette di non conoscere, perché scarsamente valorizzate, o perché raccontano di personaggi poco famosi, meno rispondenti all’immagine eroica della Resistenza. Lo scopo dell’avere una Biblioteca autogestita, pensiamo, può essere anche quello di suggerire percorsi di ricerca collettiva, riaprire discorsi al di là dei libri di cui ci si prende cura, spostare il sapere da un singolo supporto a tutto quel che ci sta intorno; ricondurre quindi la storia su scala più piccola, ma non per questo meno esemplificativa di grandi dinamiche. È stato il caso nel 2019 di Angelo Autino, il falegname di via Reggio assassinato dai fascisti nel febbraio del 1945, ed è anche il caso di Lucio Pernaci.

Foto dall’internet

«L’ennesimo operaio dalla testa dura, un altro immigrato meridionale che non sa stare al suo posto»

Quando viene convocato in questura a inizio marzo del ‘44, Lucio Pernaci, scrivono sul sito delle pietre d’inciampo, ci va perché è convinto di ricevere informazioni sui figli sfollati in Abruzzo. Lucio è un operaio, abita in corso Regio Parco 35 con sua moglie Adele, è nato a Caltanissetta e ha da poco compiuto quarantaquattro anni.

Qualche giorno prima, tra il 28 febbraio e l’otto marzo, decine di migliaia di operai e operaie impiegat* nell’industria torinese hanno scioperato nonostante le minacce e di rappresaglia delle autorità nazifasciste. Lo sciopero è stata un’importante azione di guerra della classe operaia al regime di Salò e al suo protettore nazista.

Tra le settantamila persone coinvolte nello sciopero c’era anche Lucio. L’ennesimo operaio dalla testa dura, un altro immigrato meridionale che non sa stare al suo posto, come tanti che dalla sua terra si sono trasferiti nel grande triangolo industriale. Nel 1927, da impiegato delle ferrovie in Sicilia, aveva rifiutato l’iscrizione al PNF ed era stato licenziato. Si era quindi spostato a Torino, dove aveva trovato lavoro alla FIAT Ferriere.

Le Ferriere erano state acquistate dalla famiglia Agnelli nel 1917, in pieno conflitto mondiale, e da allora la crescita degli stabilimenti di corso Mortara non aveva conosciuto interruzioni. Al momento dello sciopero ci lavorano in 4.577.

Per raggiungere il posto di lavoro Lucio percorre ogni mattina tre chilometri per le strade della Barriera, insofferente all’occupazione nazifascista, alla fame, alla guerra in cui le camicie nere l’hanno portata. Forse sulla sua strada incontra compagne e compagni rimast* nella storia più di lui, per meriti che difficilmente si desidera accumulare: combattere, resistere alle vessazioni, sopravvivere ai bombardamenti, entrare nei comitati di agitazione, coordinare la Resistenza che a Torino e in tutto il Piemonte dà molto filo da torcere ai nazifascisti, in tre parole fare la guerra.

Lucio non è famoso. Mostra coraggio al pari di tanti colleghi, perché ci vuole coraggio a scioperare coi carri armati tedeschi per le strade, i presidi armati e le spie fasciste negli stabilimenti, i rastrellamenti, ma non vogliamo pensarlo come un eroe. Le sue preoccupazioni sono probabilmente le stesse di qualunque altro operaio: il salario, tirare a campare, sopravvivere, pensare ai figli sfollati di cui non ha più notizie a causa dei combattimenti sul fronte. Quando viene convocato in questura ci va. Attraversa la città e si presenta come richiesto alla polizia. In questura dichiara le sue generalità e viene trattenuto. Gli comunicano che è in arresto. Lo sciopero non può essere perdonato: i fascisti l’avevano detto.

Se scioperate ci saranno conseguenze. A pagare immediatamente sono 400 operai, e Lucio è tra quelli. Viene condotto a Porta Nuova e caricato su un treno diretto in Austria, a Mauthausen. Ricorda Carlo Chevallard nel suo diario:

« Una scena pietosissima stamane; transitano per corso Vittorio Emanuele II diretti in stazione i camion degli operai arrestati in seguito agli scioperi e che vengono deportati in Germania. Sono stati prelevati dagli stabilimenti il giorno stesso della ripresa del lavoro e non è stata data loro la possibilità di rivedere le loro famiglie: dalle carceri vanno direttamente in stazione »

La cosiddetta porta mongola, l’ingresso del campo di Mauthausen

Mauthausen è un campo che il regime nazista ha edificato nel 1938. Non è tuttavia la prima volta che la cittadina vede campi di prigionia e lavori forzati: già negli anni della prima guerra mondiale i prigionieri di guerra italiani, russi e serbi venivano lì internati per lavorare nella vicina cava di granito.

Il terzo Reich classifica ufficialmente lo Stammlager di Mauthausen, con i suoi quarantanove sottocampi sparsi in tutta l’Austria, come “classe 3”: campo di punizione e di annientamento delle persone detenute attraverso il lavoro. Lo comanda dal 1939 lo Sturmbannführer delle SS Franz Zierei, che incita i suoi sottoposti e i kapo ad esercitare una particolare durezza nei confronti de* reclus*.

Lucio come tante e tanti attraversa l’undici marzo del ‘44 la cosiddetta porta mongola, l’ingresso del campo, riceve una uniforme a strisce, diventa “uno zebrato” con un triangolo rosso la dicitura It ricamata sopra, a indicare il suo status di prigioniero politico di nazionalità italiana, e un numero di matricola, 57336. Viene quindi avviato a turni di lavoro massacranti nella cava di granito, sotto costante minaccia delle armi e delle botte dei kapo.

L’ingresso del sottocampo di Gusen I

La guerra è un grande affare, Himmler e gli industriali tedeschi lo sanno bene. Le SS nel 1938 hanno fondato la Deutsche Erd – und Steinwerke GmbH (DEST), azienda di proprietà del corpo paramilitare di Himmler. Insieme ad altre sigle del capitalismo tedesco come la J.A. Topf und Söhne e la Kori, che realizzano i forni crematori, o la Steyr-Daimler-Puch AG, attiva nei comparti automobilistico e armiero, beneficiano direttamente in termini economici della manodopera schiavile che rastrellano in tutto il continente. Anche in questo il lager è, come scriverà Primo Levi, immagine del futuro che il nazionalsocialismo ha immaginato per l’Europa.

Da Mauthausen Lucio viene spostato in uno dei tre sottocampi di Gusen, tutti siti nell’arco di cinque/dieci chilometri dal campo principale. Resiste, come la maggior parte dei suoi compagni di detenzione, per qualche mese. A Mauthausen e nei sottocampi dipendenti, come dice lo stesso Zierei ai prigionieri appena arrivati, si va per morire, e non si dura in media più di tre o quattro mesi. È vanto di alcune guardie saper individuare il momento esatto in cui i reclusi diventano “musulmani”, quando prosciugati dalla fatica e incapaci di lavorare oltre cadono a terra come “musulmani in preghiera”. In quel momento il prigioniero viene allontanato dal gruppo e eliminato, tramite iniezione letale, colpo di pistola, annegamento, o qualsiasi altro modo di uccidere che ecciti la fantasia delle guardie, quindi gettato nel forno crematorio.

Non sappiamo come sia morto Lucio. Possiamo immaginare però, in linea con le testimonianze e gli studi, che al momento del suo assassinio pesasse non più di trenta o quaranta chili, e che il suo cadavere fosse delle giuste dimensioni per gli sportelli dei forni crematori, costruiti apposta per accogliere corpi rattrappiti. Costruiti dal genio dell’industria tedesca per risparmiare soldi, materiali e spazio.

Il corpo di Lucio passa dal camino il 27 giugno 1944. Anche quel giorno osservano la colonna di fumo i contadini che abitano lì nei pressi e che ogni tanto lasciano di nascosto delle fette di pane, o un frutto, per i reclusi e le recluse che entrano e escono per raggiungere i “posti di lavoro”.

Gli viene dedicata una pietra d’inciampo davanti all’ingresso della sua abitazione. Operaio, testa dura, antifascista.

Illustrazione dei simboli assegnati a* prigionier* dei campi nazisti

Ricordare è dovere, perdonare è impossibile!

Oltre Dora antifascista: appunti dal nostro 25 aprile!

Il 24 aprile abbiamo voluto attraversare i quartieri Aurora e Barriera di Milano a cavallo delle nostre bici per festeggiare la Liberazione dal nazifascismo. Di seguito alcuni degli interventi scritti collettivamente e letti durante il percorso.

Locandina della pedalata

Il testo di lancio del 24A
Il 24 aprile il Comune organizza la consueta fiaccolata commemorativa della Resistenza. Per tante e tanti di noi quella ricorrenza va perdendo di senso da anni.
Vogliamo muoverci in corteo per le strade della nostra città per festeggiare l’anniversario della Liberazione, toglierlo dalle mani di quelle istituzioni che plaudono alla repressione, e vogliamo farlo su due ruote!
In questi mesi, in questi anni, abbiamo assistito ad un progressivo spostamento a destra di tutte le forze politiche, allo sdoganamento delle posizioni più affini al fascismo nel discorso pubblico, all’ascesa al potere di una classe dirigente che, da destra a sinistra, si nasconde dietro la lotta partigiana per giustificare la propria sopravvivenza, e la sopravvivenza di un sistema politico, economico e sociale che non si fa scrupoli nel tagliare i servizi alle persone, nel devastare l’ambiente, nell’agire violenza contro chi dissente e contro chi è marginalizzato, nell’ignorare o nel criminalizzare qualsiasi esperienza di autogestione e di opposizione.
Per questo, come gli scorsi anni, abbiamo deciso non solo di non partecipare alle iniziative istituzionali, ma di convocare una nuova piazza che sappia unire la memoria della Resistenza con la necessità di azione contro ogni violenza e ogni sopruso.
Abbiamo deciso di riempire le strade che attraversiamo ogni giorno, lontane dal centro vetrina, con le nostre bici!
La bicicletta ha svolto un ruolo chiave durante la Resistenza, in particolare in città. In bicicletta giovani uomini e donne hanno mantenuto i collegamenti tra le formazioni partigiane e passato informazioni e materiali essenziali alla prosecuzione della lotta al regime. Si sono violati posti di blocco e si sono scardinati i piani di controllo del territorio del nemico.
Anche oggi nella nostra città la bicicletta assume un peso politico importante: è lo strumento di lavoro di molte e molti giovani, come i rider del food-delivery, sfruttati e sottopagati. È un mezzo di locomozione che per sua stessa natura rivendica una città a misura di persona e non di automobile o di industria.
È il veicolo che più di tutti, oggi come ieri, sfugge alle logiche di controllo e permette il libero esercizio della fantasia, tanto importante quando si decide di praticare un obiettivo politico contrario ad un sistema ingessato e fondato sul ritualismo.
La bicicletta inoltre ci libera da una narrazione esclusivamente militare, virilista ed eroica della Resistenza, restituendo pari dignità a chiunque abbia preso parte alla liberazione dall’oppressione fascista: uomini o donne che per anni hanno subito l’oppressione politica di un regime che aveva nella discriminazione di genere e nella predeterminazione dei ruoli sociali in base al sesso uno dei suoi punti di forza.
L’antifascismo corre su due ruote!

Disegno di Eleonora Bechis

Intervento davanti all’Ex-fabbrica Pastore incrocio tra via Perugia e corso Novara.

La prima tappa della biciclettata è davanti alla ex fabbrica Pastore, immobile a pochi passi da Manituana;  oggi un cantiere, in cui da alcuni mesi si sta realizzando un progetto che dovrebbe dar nuova vita all’edificio. Questo progetto comprende una residenza universitaria, spazi di co-working e l’ennesimo supermercato in zona. La cosa più interessante è scoprire chi sono i finanziatori del progetto. Infatti, la residenzialità sarà sotto il marchio di Camplus, il brand che la fondazione Falciola ha dato ai suoi progetti in tale campo d’investimento. Non solo già a Torino in zona Lingotto, ma anche in molte altre città italiane. Tutte le altre sedi hanno dimostrato che sono servizi destinati a una élite della popolazione studentesca, che può permettersi di sostenere alti prezzi e i requisiti meritocratici richiesti da queste strutture. Questo andando ad ingrossare il portafoglio e a soddisfare le brame di potere di Comunione e Liberazione, di cui Falciola è uno dei rami operanti nell’università.

Il supermercato, a pochi passi da due Lidl e da un Basko, invece, sarà gestito dalla cooperativa NovaCoop. Buffa deriva democristiana quella delle cooperative rosse, che tanto amano ripulirsi la coscienza con un antifascismo di facciata, come con i fiori marchiati Coop che incontreremo nelle targhe lungo il nostro percorso.

Di fatto nulla di nuovo in uno scenario cittadino in cui le amministrazioni comunali continuano a delegare ai privati gli interventi di sviluppo urbano, con quanto ne deriva per i cittadini. Un nuovo supermercato è quello che serve nel vicinato? Di sicuro la nuova residenza per privilegiati non risponde ai bisogni della popolazione studentesca come denunciato da quei compagni e quelle compagne che da anni nelle università si battono per il diritto allo studio, né a quelli delle persone che si trovano in una situazione di disagio abitativo.

Attraverseremo luoghi che testimoniano una resistenza passata, ma nel nostro percorso ricorderemo anche quei luoghi in cui c’è bisogno di resistenza oggi per evitare che ci prendano tutto. 
Ma noi saremo i giovani che guarderanno questo cantiere.

Intervento davanti alla scuola elementare Lessona, sui fatti di Padova

Ci siamo fermat* davanti a una scuola, luogo dell’istruzione e luogo in cui dovrebbe conservarsi e tramandarsi il ricordo di cosa è stato il fascismo e il prezzo che è stato pagato da partigiane e partigiani per riconquistare la propria – e la nostra – libertà. Dovrebbe, perché oggi non è più così. Questa è l’Italia in cui il Ministro dell’Interno può permettersi di dire che il 25 aprile non parteciperà a nessun corteo perché non gli interessa “il derby fascisti-comunisti”! Ma non è neanche solo Matteo Salvini – che sappiamo essere un fascista e da cui non ci aspettiamo niente di diverso – a operare una mistificazione ragionata sulla memoria del fascismo. I governi precedenti, anche quelli che si definivano di sinistra, non sono stati da meno, e così tutto l’apparato del potere, che ogni giorno punisce la militanza antifascista con una repressione pesantissima e il 25 aprile si riscopre antifascista, giusto il tempo di fare la solita sfilata per le strade del Paese. Noi vogliamo ricordare cosa ti succede in Italia, oggi, se sei antifascista. Poche settimane fa, a Padova, un corteo antifascista che voleva opporsi al raduno Forza Nuova viene caricato pesantemente dalla polizia e un’insegnante viene tratta in arresto. La vita di questa compagna, una donna, antifascista e pure femminista – tutte cose, queste, che la inquadrano come il perfetto nemico dello Stato di oggi – viene scandagliata minuziosamente ed esposta al pubblico ludibrio su decine di quotidiani locali e nazionali. Stessa cosa era successa nel febbraio del 2018 ad una compagna torinese, maestra elementare, fotografata e filmata durante il corteo contro Casapound e licenziata in tronco dopo che l’allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi, con un intervento in televisione, aveva chiesto espressamente che venisse allontanata dall’incarico. Questi omuncoli potenti, pronti a banchettare come avvoltoi sui fatti di cronaca per racimolare qualche voto in più; questi giornalisti anzi giornalai, che godono della possibilità di denigrare, avvilire e violare l’intimità e la vita delle donne ogni volta che ne hanno l’occasione; le forze dell’ordine, legittimate nel loro potere, che manganellano e massacrano di botte chi esprime dissenso e poi diventano vittime innocenti quando qualcun* si permette di alzare la voce contro di loro. Tutti questi personaggi grotteschi che inneggiano alla democrazia fingono di dimenticarsi che il compito delle insegnanti e degli insegnanti nelle scuole è proprio quello di essere antifasciste e antifascisti, di schierarsi politicamente, di educare le nuove generazioni alla memoria e alla capacità critica, ad opporsi, a distinguere tra “legale” e giusto, affinché non accada più che, come oggi, ci ritroviamo i fascisti al governo. La repressione di Stato è strumentale alla criminalizzazione dell’antifascismo e allo sdoganamento del fascismo, istituzionale e non. Ma l’antifascismo non si arresta e non si arresterà, siamo nelle strade, nei posti di lavoro, nelle scuole. Ieri eravamo partigiane, oggi siamo antifasciste!

Davanti al cantiere Falciola-NovaCOOP in via Amalfi

Intervento nei pressi dell’Area Delta – Ex Gondrand
Nel 1973 l’amministrazione comunale di Torino allora in carica concedeva alla società multinazionale di autotrasporti Delta una licenza edilizia per la costruzione di un fabbricato industriale che sarebbe dovuto sorgere in via Cigna 209, dove siamo noi adesso.
Il terreno in questione, era da anni richiesto dai cittadini che vivevano nel quartiere di Barriera e di Aurora, quartieri di matrice operaia, che furono fondati dalle industrie della Fiat, divorando il paesaggio della  campagna e abbattendo le cascine che abbracciavano la città.
Nonostante questa richiesta e malgrado il Piano regolatore della città prevedesse la destinazione di quel terreno a verde pubblico, la licenza edilizia venne ugualmente concessa.
Questa è la città del neoliberalismo. Stretta nella tenaglia degli interessi economici privati che speculano sul territorio, spesso in accordo con le istituzioni.
Questo modo di vedere la città uccide lo spazio pubblico, facendolo diventare un mero conto economico.
Ma dopo circa tre anni di lotta e mobilitazione dei cittadini e dei lavoratori della Barriera di Milano l’area è stata definitivamente restituita alla città.
Si legge su un comunicato, scritto dai comitati del quartiere, pubblicato sulla stampa nel 1976:
“L’impegno politico per questa lotta è stata la costatazione dell’assoluta mancanza di verde nel nostro quartiere  e di conseguenza la difesa di quel poco terreno che restava da destinare a verde pubblico.
Lo ricordiamo ancora una volta che alla Barriera di Milano il verde pubblico disponibile attualmente è di 0,42 mq per abitante contro i 9 mq previsti dai decreti urbanistici.”
Quando ci sono città divise, che si esprimono con interessi centrali e periferici e dove l’amministrazione pubblica tutela gli interessi di poche parti della città, dove esiste l’urbanistica contratta, c’è bisogno di resistenza. Perché Il diritto alla città è un’idea di cittadinanza intesa come diritto alla presenza in uno spazio pubblico, insieme.

Copertina dell’evento Facebook

Intervento in via Moncrivello 1, case ATC, residenza della famiglia Arduino

Libera e vera Arduino sono figlie di una famiglia operaia come tante nella Torino degli anni 40. Povertà, politica e antifascismo sono il pane quotidiano della resistenza nei quartieri proletari di quegli anni. Libera e Vera hanno forza, determinazione… voglia, dopo la liberazione, di costruire un mondo migliore: senza dittatura, senza allarmi che suonano di notte, senza oppressione dell’uomo sulla donna. Vera ha 16 anni una ragazza adolescente, militante del gruppo di difesa della donna a barriera di milano, un gruppo di azione partigiana legato al pci e ai giustizia e libertà. Libera 18 anni, con il suo nome teoricamente vietato dalle leggi fasciste del 1935, è staffetta: porta notizie dai gap di barriera fino alla montagna. “La sera del 12 marzo 1945 una squadra di fascisti prelevò dalla loro casa di via Moncrivello 1, Gaspare Arduino, operaio delle Acciaierie Fiat antifascista, le sue due figlie, Libera e Vera insieme ad alcuni loro ospiti.” Stavano facendo una riunione diranno alcuni testimoni dopo la liberazione, già perchè alla liberazione manca davvero poco, ma Libera e Vera non la vedranno “Gli uomini, prima vennero torturati poi trucidati la notte stessa nei pressi dell’abitazione, in corso Belgio angolo via Lessolo. Vera, e Libera, furono trucidate nei pressi del canale della Pellerina”. “Per il funerale delle Arduino alcune fabbriche hanno mandato delegazioni, altre durante i funerali si sono fermate. Alla Paracchi una ragazza è salita sul tetto e ha messo la bandiera rossa. Un compagno elettricista, che era nelle SAP, aveva staccato tutti i fili d’allarme perché i fascisti non chiamassero i rinforzi. – «Gli uomini fuggano tutti perché davanti al cimitero ci sono i fascisti, ce ne sono già due camion carichi!» – Così gli uomini si sono allontanati, davanti al cimitero siamo arrivate solo noi donne”.” Libera e vera Arduino sono state uccise, trucidate e violentate dai fascisti. Ma la loro memoria viene infangata quotidianamente e con loro la memoria della resistenza. Viene infangata la loro memoria tutte le volte che la resistenza viene ricordata come cosa da uomini, tutte le volte che sentiamo e diciamo che le donne vanno protette perché sono il sesso debole, tutte le volte che viene negato loro (per una pretesa di femminilità) la possibilità di agire violenza, tutte le volte che assecondiamo il dominio patriarcale per comodità, per scelta o per rassegnazione. A Libera, a Vera, a Giorgiana Masi, a tutte le militanti comuniste, femministe e antifasciste dimenticate dalla storiografia e dai movimenti va questa nostra azione: un panuelo rosa per dire che la vostra lotta, la nostra lotta non è finita nel ’45, ma continua oggi insieme a noi contro ogni forma di oppressione e dominio.

Panuelos sul cippo dedicato a Vera e Libera

Intervento sulla trasformazione di ATC – Agenzia Territoriale Casa in fondazione privata, via Moncrivello 1 Siamo qui per dare visibilità al progetto ATC di costituire una Fondazione con le Banche e altri soggetti privati. Un’iniziativa denunciata dalle attiviste e dagli attivisti di Assemblea21, avviata dall’ATC all’insaputa del Comune di Torino, che è il proprietario di quell’ingente patrimonio residenziale e fondiario pubblico e che sulla destinazione e sulla gestione di quei beni ha compiti e responsabilità.

L’intenzione del Consiglio di Amministrazione di ATC – a loro detta – sarebbe quella di associarsi ai privati per “opere di bene” verso i più derelitti ospiti delle case popolari.

Ma non c’è ragione alcuna per costituire una Fondazione pubblico-privato a scopo di ricevere finanziamenti, visto che per statuto basta l’accordo del CdA. Cosa invece può motivare un progetto di Fondazione in partecipazione pubblico privato?

I 30’000 appartamenti del Comune di Torino, affidati alla gestione di ATC, potrebbero in tal modo diventare la polpa di un enorme business immobiliare impostato dagli attuali Consiglieri di amministrazione ATC con le Fondazioni Bancarie che vedrebbe ATC, indebitata fino all’osso, metterci il suo patrimonio e le Fondazioni quei soldi che ATC non ha. Siamo dunque di fronte all’ennesimo tentativo di usare una povertà creata dalla precarizzazione del lavoro e dal depauperamento e privatizzazione del welfare pubblico e per portare avanti un suo ulteriore smantellamento – come nel caso dell’introduzione di una flat tax – o e della sua trasformazione di un sistema di controllo delle nostre vite – ultimo esempio, il cosiddetto Reddito di Cittadinanza.

Contributi – Ma quindi siamo tutti terroristi?

Riceviamo e condividiamo un racconto di tre settimane di militarizzazione in Aurora e della risposta che gli abitanti e le abitanti del quartiere hanno voluto dare alle prepotenze delle forze dell’ordine.

Il 7 febbraio 2019 – giorno dello sgombero dell’Asilo – è una data che ha segnato l’inizio di una catena di fatti che si sono susseguiti, e proseguono tuttora, come un botta e risposta da ambedue le parti coinvolte: le persone comuni e le istituzioni

“Ma quindi siamo tutti terroristi?” non è uno slogan, ma una domanda che nasce spontanea dalla perplessità dei due bambini, raffigurati nell’immagine, per il fatto di mostrare i propri documenti per tornare o uscire di casa e per andare a scuola. Questa vicenda non ha luogo in zone lontane dal nostro interesse quotidiano, ma è ciò che accade oggi a Torino nel quartiere di Aurora dove è stato sgomberato l’Asilo Occupato.

Il 7 febbraio 2019 – giorno dello sgombero – è una data che ha segnato l’inizio di una catena di fatti che si sono susseguiti, e proseguono tuttora, come un botta e risposta da ambedue le parti coinvolte: le persone comuni e le istituzioni. Da un lato infatti vediamo i grandi interessi economici e politici della sindaca Chiara Appendino e del Ministro degli Interni Matteo Salvini: parlano di giustizia, di un’operazione di pubblica sicurezza (detta “operazione scintilla”), e ringraziano l’elevato numero di agenti di polizia dispiegato per lo sgombero di uno spazio sociale, esistente da più di 20 anni e che ha più volte offerto sostegno non solo a realtà emarginate dalla società ma anche a famiglie, vittime delle conseguenze negative della riqualificazione delle zone di Aurora e Porta Palazzo. Lo sgombero non ha infatti solo infierito sulle vite dei cosiddetti anarco- insurrezionalisti, ma anche sull’esistenza di un intero quartiere che ancora oggi vive in un clima di terrore, in ostaggio delle forze dell’ordine che hanno creato una vera e propria zona rossa, decorata da enormi checkpoint che chiudono Via Alessandria e camionette, idranti e volanti ad ogni angolo. È impossibile non notare la presenza costante di luci blu. Oltre ai gate stabili dove avvengono identificazioni di chiunque passi anche per sbaglio nei paraggi, giorno e notte, risulta pesante il comportamento spesso arrogante ed aggressivo degli agenti che passeggiano per le strade o bevono un caffè nei bar della zona; molte sono infatti le testimonianze di abitanti del quartiere che si lamentano dei loro comportamenti prevaricatori e di come sia ormai impossibile vivere una quotidianità tranquilla o “normale”. Il paradosso è che con questa  richiesta di normalità dal quartiere, la nostra sindaca abbia giustificato la cementificazione di uno spazio che sostiene di aver liberato dagli anarchici, definiti terroristi, e restituito alla città. Ed è proprio per arrestare questi “terroristi”, magari anche ornati di piercing e tatuaggi, riconosciuti attraverso comparazioni antropometriche di dubbia attendibilità, che è stato dato il via allo sgombero. Gli arrestati sono infatti ritenuti responsabili di presunti attentati nel contesto di azioni politiche contro i CPR (centri di permanenza per i rimpatri) del 2016. Tali azioni erano volte a proteggere gli immigrati dalla privazione della libertà personale, da un regime di coercizione che, tra le altre cose, impedisce loro di ricevere visite, di far valere il fondamentale diritto alla difesa legale (cit. meltingpot.org) e dai trattamenti disumani che continuano a subire all’interno di queste strutture. È piuttosto facile quindi individuare, nascosti dietro i fatti attuali, gli interessi politici di chi non si limita a prendere le distanze dall’ideologia anarchica; è evidente infatti che la volontà non sia semplicemente quella di liberare questi spazi da chi li occupa ma di liberarsi dell’impatto socio-politico delle loro azioni, palesemente contro la politica xenofoba e razzista del nostro Ministro degli Interni.

“Terrorismo” è quindi la parola del momento, strumentalmente accostata, in base alle esigenze politiche, all’una o all’altra categoria di persone: arabi e musulmani, fino a poco tempo fa, ed oggi gli anarchici. Ma chi sono i terroristi? Il terrorista è letteralmente colui che produce e diffonde terrore attraverso atti o minacce di violenza. Sulla base di questa definizione, appare chiaro come ad oggi i terroristi non siano gli arabi o i musulmani, né tanto meno gli anarchici, che hanno bruciato qualche cassonetto. Consideriamo inoltre che il pensiero anarchico non è reato, a differenza dell’apologia del fascismo. Eppure non si riscontra lo stesso entusiasmo da parte delle istituzioni nel contrastare realtà come  Forza Nuova, o peggio Casapound, che non solo è riuscito a raccogliere abbastanza consenso da candidarsi alle elezioni politiche dello scorso anno, ma porta anche avanti diverse occupazioni sul territorio nazionale. L’anarchia è un progetto politico che propone valori come la pacifica condivisione e collaborazione tra donne e uomini ed è spesso invece confusa con atti di violenza che si sono manifestati in piazza non in nome dell’anarchismo ma guidati dal semplice e profondo sentimento di rabbia nei confronti della situazione attuale. Sono quindi le stesse istituzioni, che impiegano il loro apparato difensivo, a seminare terrore psicologico in un quartiere che si trova a vivere nell’ansia senza capirne le ragioni. Quelle forze dell’ordine che dovrebbero difenderci ed invece ci aggrediscono verbalmente, ci controllano per strada guardandoci come potenziali criminali, lanciano lacrimogeni urticanti (nel resto d’Europa illegali) sulle masse e sui balconi di Corso San Maurizio e caricano sul 4. Inoltre parliamo di un grande  investimento monetario volto a mantenere permanente il dispiegamento di agenti di polizia che controllano le zone più visibili e prossime al centro della città. Nel mirino della strategia sociale, che prevede l’allontanamento dei poveri e dei loro disagi, vi sono proprio i quartieri di Porta Palazzo, Aurora e Barriera di Milano, soggetti a tutti gli effetti negativi della parola “riqualificazione”. Esempi di questo fenomeno sono la tentata cacciata dei balonari, la zona rossa e i continui sfratti che si ritrovano a far parte di una cornice di un progetto ben più grande di estetica. Un progetto che non risolve i problemi che pullulano nelle strade di queste zone, ma attua un ulteriore emarginazione e soppressione di individui, dipinti spesso come pericolosi, attraverso ciò che viene chiamata pubblica sicurezza. Le domande relative allo stato di assedio di Aurora sorgono quindi spontanee. Da chi e da che cosa stavolta ci devono difendere? Perché, dopo ormai tre settimane dalla cacciata dei presunti terroristi anarchici dal quartiere, gli agenti di polizia con le loro camionette vengono pagati per controllarci?  

“Terrorismo” è quindi la parola del momento, strumentalmente accostata, in base alle esigenze politiche, all’una o all’altra categoria di persone: arabi e musulmani, fino a poco tempo fa, ed oggi gli anarchici

È da questa serie di domande che nasce la nostra necessità di ricevere delle risposte coerenti e non frasi fatte sui Social Media che proteggono la faccia di chi dice di stare dalla parte delle persone comuni. L’obiettivo è quello di far calare le maschere, di mettere queste facce in difficoltà davanti a tutti coloro che ancora si illudono di essere da loro rappresentati e rispettati. Con questa idea sono state realizzate varie iniziative nei paraggi della zona rossa per andare a rompere questo clima di stato di emergenza e per far rivivere in tranquillità le strade dagli stessi abitanti del quartiere. Ma neanche questi piccoli ritagli di normalità sono stati rispettati dalle forze dell’ordine che hanno dovuto ricorrere a schieramenti di celere per ricordarci della loro incessante presenza.

Quello che più ci colpisce in questo momento è il silenzio stampa degli ultimi giorni, che sono stati ricchi di iniziative di protesta da parte della comunità

Domenica 24 febbraio 2019 si è tenuta una merenda solidale nel quartiere di Aurora, tuttora assediato dalle forze dell’ordine. Alle ore 14 di questa giornata, quindi ben due ore prima dell’evento, per una presunta ordinanza, si sono piazzate ben quattro camionette su ogni piazzale di Largo Brescia, cercando di ostacolare l’organizzazione della merenda ed intimidire le persone che avessero voluto partecipare. Alle ore 16 , 8 persone tra ragazz*, adulti e bambin* hanno subito un’identificazione dagli agenti della Digos che li hanno minacciati di portarli in questura se non avessero acconsentito ad essere scortati dalla celere all’angolo con Via Bologna. Malgrado ciò ed in compagnia di digossini e celerini, la merenda si è tenuta ugualmente: sono stati montati i tavoli, è stato allestito il cibo da tutti portato e condiviso e si è mangiato e socializzato al suono di musiche popolari e commerciali. Molti sono stati gli interventi al megafono, non solo da parte degli organizzatori ma anche da parte di famiglie del quartiere che testimoniano la loro partecipazione, la loro opposizione verso la continua militarizzazione e dispiego di inutili forze dell’ordine anche in eventi pacifici e sociali come questo. “Noi non sentiamo il bisogno di essere difesi, non abbiamo paura se non della quantità di polizia armata che popola il quartiere da settimane, quindi ci piacerebbe capire da cosa ci state difendendo e per quanto ancora questa storia debba andare avanti”, sono le parole di persone comuni offese dalle istituzioni, che si servono di discutibili e false giustificazioni per nascondere questa palese  manovra mediatica e politica. È arrivata anche, da alcuni cittadini, la richiesta di chiarimenti riguardo la quantità di soldi impiegata per mantenere questo assedio per tutto questo tempo. Molte famiglie e bambin* che volevano anch’essi partecipare alla merenda sono stati intimiditi dalla presenza dello schieramento della celere proprio davanti al tavolo del cibo, ragion per cui molti, dopo essere arrivati in Largo Brescia, hanno deciso di tornare a casa. Colpisce infatti la testimonianza di un papà che ha deciso di partecipare alla merenda con la figlia di 6 anni, spaventata dagli agenti armati che si è trovata di fronte per prendere la nutella; “Sono prepotenti anche di fronte ai bambini”- afferma il padre guardando sua figlia – “[…] Il suo volto all’altezza di un’arma da fuoco! Non si possono chiamare forze dell’ordine, hanno portato disordini mai visti prima in questo quartiere e la mia più grande paura è che ci si abitui a tutto questo. Non dobbiamo assolutamente permetterlo”.  

L’idea di questa merenda  è stata ampiamente condivisa ed apprezzata. 150 circa sono stati i partecipanti tra adulti ed allegri bambin* a sgranocchiare cibo e bere thè, ritenuti talmente pericolosi per il quartiere da necessitare una tale difesa da parte delle istituzioni.

Quello che più ci colpisce in questo momento è il silenzio stampa degli ultimi giorni, che sono stati ricchi di iniziative di protesta da parte della comunità; infatti, dopo aver riportato le entusiaste dichiarazioni pubbliche di  Appendino e Salvini in merito ai primi fatti riguardanti lo sgombero dell’Asilo, le notizie si sono limitate a parlare esclusivamente di un movimento anarco-insurrezionalista, della sua violenza di piazza e delle accuse di terrorismo, senza dar spazio a tutto ciò che vi è dietro la protesta, per poi dimenticarsi di informare i cittadini e le cittadine che è quasi un mese che il quartiere di Aurora è sotto assedio e che le persone sono stanche di essere prese in giro dalle false promesse dei nostri cari amici politici.