Cariche sulla CM. Le nostre bici più forti dei loro blindati

Scriviamo a caldo, ancora in preda a rabbia ed adrenalina. Vale la pena una piccola cronaca di ieri sera.
Doveva essere una pedalata per la città, una critical mass come molte altre, un momento in cui riprendersi le strade in quella che, va ricordato, è una delle città più inquinate non dell’Italia ma del mondo.

Così, coi polmoni infiammati dallo SMOG dell’ora di punta ma felici di correre per i viali della città, condividendo la gioia di una pedalata collettiva, siamo stati invece protagonist* di un episodio mai avvenuto nella storia di questa iniziativa.

La reazione “dadaista” delle forze dell’ordine è un indizio chiaro: le lotte ambientaliste vanno bene se rimangono sul tracciato.

Non ci vergognamo di dire che non ce l’aspettavamo. La solita polizia in borghese e in moto, infastiditi e aggressivi, ma nulla di nuovo.
Certo, la presenza di diverse camionette dell’antisommossa che tentavano l’inseguimento nel traffico avrebbe dovuto metterci in allerta.

L’identificazione de* pericolos* ciclist*

Così, in un attimo, dal nulla, ci hanno attaccato alle spalle: scesi al volo dalle camionette caricando a freddo biciclette e persone mentre pedalavano, d’improvviso, senza nessun motivo. Hanno rovesciato le bici, manganellato le mani che stringevano i manubri, ci hanno spint* a terra ed hanno infierito sulle teste e sulle costole, a calci, ripetutamente.

Non ce l’aspettavamo, così come non ci aspettavamo la seconda e la terza carica, la celere impazzita tra biciclette, la caccia al ciclista, le botte su chiunque tentasse di frapporsi tra i manganelli e le persone a terra.

Hanno approfittato della sorpresa, ma soprattutto hanno approfittato dell’affetto verso le nostre bici. Difficile staccarsi da quella che è la quotidiana compagna delle nostre corse attraverso la città, difficile abbandonarla in preda ai celerini, difficile lasciare lì ciò che per molte persone è strumento di lavoro, l’unico mezzo che ci permette di arrivare a fine mese.

La reazione “dadaista” delle forze dell’ordine è un indizio chiaro: le lotte ambientaliste vanno bene se rimangono sul tracciato, se invece tentano di saldarsi con altre lotte, se mettono in dubbio il “sistema”, contaminandosi con pratiche e soggetti di mobilitazione differenti, non sono più tollerabili. Il modello di sviluppo che ci sta portando al collasso è sacro e intoccabile.

La critical è una pratica di lotta intelligente, veloce e difficilmente controllabile, in altre parole non è accettabile. Il braccio armato del potere ha il dovere di spezzare ogni possibile legame tra attivazione ecologista e lotte storicamente radicate e maturate nella nostra città, la polizia ha il dovere di sedare possibili convergenze di massa.

In questo senso i pestaggi e i fermi di ieri per noi sono di una chiarezza politica assoluta: ad essere colpit* sono stat* riders e attivist*, soggetti da sedare, isolare e punire senza motivo.
Quest’episodio di gestione scellerata dell’ordine pubblico è l’ultimo di un’escalation forse infinita che anima la città da due mesi.
Con la retorica della sicurezza e di pericolosità sociali varie ed eventuali, tutto è gestito sotto il segno di una repressione violenta, impulsiva ed immediata.

Siamo abituati alla violenza quotidiana del traffico, ci attrezzeremo anche per questa. Non riuscirete a fermarci, non riuscirete ad intimidirci.

Lunga vita!

Una furia evidente, capace di scatenare le reazioni opposte a quelle sperate dalla questura: una fortissima ed immediata solidarietà trasversale tra le lotte ed una vivace voglia di opporsi quotidianamente con i propri corpi.

Dopo le cariche selvagge tra i dehors in Santa Giulia, le cariche sul tram in via Milano, la carica sullo sciopero dell’8 marzo, i rastrellamenti violenti che avvengono tutti i giorni nelle nostre strade, sui treni e nelle scuole, viene solo da chiedersi quale sarà la prossima mossa. Cosa si inventeranno la prossima volta per militarizzare questa città? Quale sublimi apici raggiungerà chi gestisce l’ordine pubblico torinese?

In questo momento di passaggio di consegne tra questori, a pochi giorni dall’insediamento di De Matteis, le forze dell’ordine hanno agito secondo quella che ormai possiamo chiamare “la scuola Torino”. Coerenza e mentalità.

Ma non funzionerà. Siamo abituati alla violenza quotidiana del traffico, ci attrezzeremo anche per questa. Non riuscirete a fermarci, non riuscirete ad intimidirci.

Le strade sono nostre e ce le riprenderemo tutte le volte che sarà necessario.
Alla prossima!


Primo sciopero dei Glovers: un racconto da Torino

Ieri primo sciopero dei Glovers, i rider di Glovo.

Riportiamo la testimonianza di uno di loro.

“Siamo tutti molto soddisfatti dell’iniziativa: abbiamo intrapreso una strada di lotte contro l’azienda, e siamo stati capaci di farlo scendendo in strada, organizzandoci in poco meno di due settimane!
Prima ci siamo recati in sede, eravamo una trentina, per consegnare un foglio con le nostre rivendicazioni. Inizialmente non volevano prenderlo.
Avevamo anche richiesto un incontro con il manager, che ci è negato da ormai un mese! Questo continua a latitare, quando va bene ci chiama al telefono con un numero anonimo, sproloquiando e insultandoci, ripetendo le solite formulette che lui e i suoi sono addestrati a dire.
Durante il blocco, come sempre in questi casi, ci hanno trattati malissimo: prima ci hanno minacciati, poi hanno chiamato i carabinieri. Alla fine li abbiamo costretti ad accettare l’elenco delle nostre richieste, con la promessa che la prossima settimana ritorneremo in tanti e non saremo disposti a sentire le solite stronzate e prese per i fondelli!

Ci siamo poi spostati davanti al Mac di piazza castello per volantinare, parlare coi nostri colleghi e con la gente che passava. La giornata di blocco è sicuramente servita a renderci più uniti! Durante il blocco degli accessi abbiamo attirato l’attenzione di nuovi e vecchi rider: una quindicina di loro hanno deciso autonomamente, dopo aver parlato con noi, di non entrare a prendere l’ordine. La partecipazione di rider di altre aziende che hanno deciso anche essi di scioperare è stata fondamentale!
Tutto questo mi fa molto ben sperare per un futuro di lotte sempre più unite e trasversali: Glovo dovrà darci ascolto!”

Per quattro spicci all’ora sai che c’è?

Consegnali da solo sti cazzo di Big Mac!